Articoli di Mirco Minardi

PCT in Cassazione: il duplicato informatico? No grazie

Mirco Minardi

Sebbene sia astrattamente possibile depositare il provvedimento impugnato come “duplicato informatico” è bene non farlo. Il “duplicato informatico” della decisione, infatti, si presenta “nudo e crudo”, senza informazioni indispensabili nel giudizio civile di cassazione e cioè la data di pubblicazione del provvedimento. Per questo occorre sempre depositare la “copia informatica” che reca quelle belle scritte… Continua la lettura »

PCT in Cassazione: le prime esperienze

Mirco Minardi

Dal 31 marzo 2021 è possibile depositare atti telematici in Cassazione. Si tratta di un deposito facoltativo esteso a qualunque tipo di atto, introduttivo o endo-processuale, a prescindere dalla data di pendenza del procedimento (non è infatti stata prevista una disciplina transitoria). Le prime esperienze che ho avuto sono state positive per quanto riguarda gli… Continua la lettura »

PCT in Cassazione: ci siamo!

Mirco Minardi

Dunque ci siamo. Dal 31 marzo 2021 è possibile depositare telematicamente gli atti in Cassazione. Si tratta di un deposito facoltativo che, però, altrove ho definito “apparente”. In altro post spiegherò perché. Il deposito può avere ad oggetto qualunque tipo di atto, introduttivo (ricorso e controricorso) e endo-processuale (memorie, istanze, ecc.). Non è prevista alcuna… Continua la lettura »

Tempestività del deposito telematico in caso di rifiuto

Mirco Minardi

Nell’ambito del processo civile telematico, quando si esegue il deposito telematico di un atto, la parte depositante riceve quattro messaggi PEC: la ricevuta di accettazione (RdA) che viene rilasciata dal gestore PEC utilizzato dalla parte depositante a fronte dell’invio della busta telematica contenente l’atto da depositare; la ricevuta di avvenuta consegna (RdAC) che viene rilasciata… Continua la lettura »