La condanna alle spese di lite in caso di riforma in appello della decisione

Mirco Minardi

0001 (22)È uscito il nuovissimo e-book “Come affrontare il ricorso per cassazione civile“. Clicca qui

CLICCA QUI

La sentenza d’appello può (al netto di statuizioni in rito):

  • confermare la decisione di primo grado
  • riformare integralmente o parzialmente la decisione di primo grado

Nel primo caso, il giudice d’appello non è tenuto a pronunciarsi sulle spese di lite liquidate dal giudice di primo grado, salvo il caso in cui l’appellato non avesse impugnato incidentalmente la statuizione, o per via della imputazione esclusiva, o per via della compensazione o per via della quantificazione.

Detto altrimenti, il vincitore in primo grado è tenuto a proporre impugnazione incidentale:

  • se, nonostante la vittoria, è stato condannato a pagare integralmente le spese di lite (ipotesi pressoché di scuola)
  • se, nonostante la vittoria, ha subito la compensazione totale o parziale;
  • se ritiene che la liquidazione non è conforme ai parametri.

In assenza di impugnazione, in caso di conforma, il giudice d’appello, come già detto, non è tenuto a liquidare nuovamente del spese del grado precedente.

Diverso è il caso di riforma integrale o parziale. In questo caso il giudice di merito è obbligato a liquidare le spese di primo e secondo grado in base all’esito complessivo del giudizio ed a prescindere dalle impugnazioni sul punto.

«In materia di liquidazione delle spese giudiziali, il giudice d’appello, mentre nel caso di rigetto del gravame non può, in mancanza di uno specifico motivo di impugnazione, modificare la statuizione sulle spese processuali di primo grado, allorché riformi in tutto o in parte la sentenza impugnata, è tenuto a provvedere, anche d’ufficio, ad un nuovo regolamento di dette spese alla stregua dell’esito complessivo della lite, atteso che, in base al principio di cui all’art. 336 c.p.c., la riforma della sentenza del primo giudice determina la caducazione del capo della pronuncia che ha statuito sulle spese (Sez. 6 – 3, Ordinanza n. 1775 del 24/01/2017, Rv. 642738 – 01; Sez. L, Sentenza n. 26985 del 22/12/2009, Rv. 611189 – 01)».

Tutti i miei articoli sul ricorso per cassazione.

La supervisione del ricorso per cassazione.

Contatti.


Share
Mirco Minardi

Avvocato, blogger, relatore in convegni e seminari. Autore di numerosi articoli apparsi su riviste specializzate cartacee e delle seguenti monografie: Le insidie e i trabocchetti della fase di trattazione del processo civile di cognizione. Manuale di sopravvivenza per l’avvocato, Lexform Editore, 2009; Le trappole nel processo civile, 2010, Giuffrè; L’onere di contestazione nel processo civile, Lexform Editore, 2010; L’appello civile. Vademecum, 2011, Giuffrè; Gli strumenti per contestare la ctu, Giuffrè, 2013; Come affrontare il ricorso per cassazione civile, www.youcanprint.it, 2020.

Anche questi articoli potrebbero interessarti:




Lascia un commento

  • (will not be published)

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*