“Rigor Montis”, ovvero come ti uccido l’appello civile.

Mirco Minardi

I problemi si possono risolvere in tanti modi. Prendiamo il problema dell’appello, vero collo di imbuto della giustizia civile. E’ infatti davanti alla Corte d’Appello che si infossano i procedimenti civili.

Come possiamo risolvere il problema? Monti, che è un economista, affronta il problema dal punto di vista economico: rendiamolo più caro!!!

Caspita che idea geniale? E’ vero!!! Perchè non ci abbiamo pensato prima?! La soluzione è semplice: aumentiamo il contributo unificato. Non solo. Facciamo sì che in caso di rigetto dell’appello la parte venga condannata a pagare una somma pari al contributo unificato ed ecco che ti riduco di una buona percentuale gli appelli!!!

Complimenti davvero signor Primo Ministro. Grazie per averci ricordato ancora una volta che la giustizia è per i ricchi.

Art. 3, comma 9 legge di stabilità 2012:

«Quando l’impugnazione, anche incidentale, è respinta integralmente, è dichiarata inammissibile o improcedibile, la parte che l’ha proposta è tenuta a versare un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per la stessa impugnazione, principale o incidentale a norma del comma 1 bis dell’articolo 13».


Share
Mirco Minardi

Avvocato, blogger, relatore in convegni e seminari. Autore di numerosi articoli apparsi su riviste specializzate cartacee e delle seguenti monografie: Le insidie e i trabocchetti della fase di trattazione del processo civile di cognizione. Manuale di sopravvivenza per l’avvocato, Lexform Editore, 2009; Le trappole nel processo civile, 2010, Giuffrè; L’onere di contestazione nel processo civile, Lexform Editore, 2010; L’appello civile. Vademecum, 2011, Giuffrè; Gli strumenti per contestare la ctu, Giuffrè, 2013; Come affrontare il ricorso per cassazione civile, www.youcanprint.it, 2020.




Lascia un commento

  • (will not be published)

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*