Lettera aperta al Presidente del Consiglio Prodi

Avatar photo

Signor Presidente del Consiglio,

nella puntata di ieri sera, Striscia La Notizia ha mostrato l’esistenza di decine di carceri mai entrate in funzione ed oggi in rovina, per un costo di centinaia di milioni di euro. Uno dei tanti esempi di mala gestio del denaro comune.

Le chiedo: se Lei abitasse in un condominio, e l’amministratore condominiale sprecasse i soldi delle rate condominiali per opere che non porta a termine, che cosa farebbe se l’amministratore, anzichè chiedere scusa a tutti i condòmini e assumersi la responsabilità dell’accaduto, dichiarasse guerra a tutti coloro che non pagano le rate condominiali o le pagano in ritardo?

Forse, prima di demonizzare i cittadini stanchi di pagare le tasse, bisognerebbe riflettere su quale esempio la politica dà circa l’uso dei soldi comuni. Forse, prima di paventare manette agli evasori, la politica dovrebbe assumersi la responsabilità degli sprechi. Forse, prima di parlare di “contenimento della spesa pubblica”, bisognerebbe chiedersi come vengono gestiti i soldi dei cittadini.

In uno Stato civile, un Presidente del Consiglio chiederebbe scusa in ogni caso, anche se non responsabile direttamente.

In uno Stato civile, però. 

Avv. Mirco Minardi


Share
Avatar photo

Avvocato, blogger, relatore in convegni e seminari. Autore di numerosi articoli apparsi su riviste specializzate cartacee e delle seguenti monografie: Le insidie e i trabocchetti della fase di trattazione del processo civile di cognizione. Manuale di sopravvivenza per l’avvocato, Lexform Editore, 2009; Le trappole nel processo civile, 2010, Giuffrè; L’onere di contestazione nel processo civile, Lexform Editore, 2010; L’appello civile. Vademecum, 2011, Giuffrè; Gli strumenti per contestare la ctu, Giuffrè, 2013; Come affrontare il ricorso per cassazione civile, www.youcanprint.it, 2020.




Lascia un commento

  • (will not be published)

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*