Mancata elezione di domicilio e luogo di notificazione dell’appello.

Dove può essere notificata l’impugnazione qualora la parte non abbia eletto domicilio nel comune o nella circoscrizione del Giudice adito?

Al riguardo bisogna distinguere diverse ipotesi:

  1. la parte, cui la impugnazione è diretta, è stata in giudizio personalmente;
  2. il procuratore pur non avendo eletto domicilio nel comune ove aveva sede il giudice adito, era residente nel circondario del tribunale;
  3. il procuratore era residente fuori dal circondario.

Si ricordi che talvolta occorre eleggere domicilio nel comune (ad es. nelle cause davanti al giudice di pace, altre volte basta che si trovi all’interno del circondario).

La soluzione ...

Per leggere gli articoli di Lexform è necessario registrarsi. La registrazione è gratuita.

Una volta registrato potrai:

  • Leggere gli articoli;
  • Ricevere la newsletter;
  • Visualizzare video;
  • Ascoltare podcast;
  • Ricevere sconti sui prodotti.

7 commenti:

  1. Vito

    Gentile avvocato,

    ho vinto una causa di lavoro (1° grado)
    L’amministrazione si è avvalso del suo funzionario, pertanto il mio avvocato ha notificato la sentenza presso la stessa amministrazione e non presso l’avvocatura dello Stato (che non c’entra)
    Il termine breve dovrebbe, ai sensi dell’art. d285 c.p.c., che rinvia a tal fine all’art. 170, primo e terzo comma, c.p.c., decorrere dal giorno della notifica all’amministrazione.
    Fin qua tutto regolare, ma il mio avvocato (distratto??Non si è reso conto che l’avvocatura non c’entrava) ha notificato all’amministrazione con relata “titolo esecutivo”, anzichè con relata “per copia conforme” (come avrebbe dovuto se leggeva bene le carte/sentenza)
    La domanda:
    è valido sempre il “termine breve” dei 30 giorni dalla relata di notifica “titolo esecutivo”, se si considera che l’amministrazione si è avvalsa del proprio funzionario.
    Grazie

  2. Mirco Minardi

    @Vito: ciò che conta è che la sentenza sia stata ritualmente notificata al soggetto destinatario; non importa se munita di titolo esecutivo oppure se munita di clausola di conformità.

  3. Vito

    Grazie Mille Avvocato,

    la Sua gradita risposta mi ha rasserenato.
    La sentenza è stata ritualmente notificata il 12 aprile 2010, pertanto il 12 maggio 2010 scadevano i 30 giorni per il c.d. termine breve, e poichè ad oggi non è stato presentato appello, posso, come da Sua apprezzata risposta, ritenermi fortunato.
    Cordialmente.

  4. Vito

    Mi scusi ancora Avvocato,
    Alla luce di quanto riportato nella mie mail, così recita la RELATA DI NOTIFICA:

    “””Istante l’Avv. XXXX, nella qualità in atti, Io sott. A. Uff. Giud. addetto all’Uff. Un. Not. della Corte di Appello di Bari, ho notificato e dato copia dell’antescritta sentenza – titolo esecutivo – a:
    -MINISTERO DELL’ECONOMIA E FINANZE, in persona del Ministro in carica, pro tempore, domiciliato per la carica in Roma alla Via XX settembre, ivi spedendo copia a mezzo del servizio postale mediante racc. a.r. XXXXXXXXXX.
    “”””

    Quindi è passata in giudicato.

  5. Antonio francesco cucca

    Egr. Sig.
    Avv.MINARDI,
    considerata la discrasia tra normativa del nuovo cds e giurisprudenza mi chiedevo se, qualora laparte avanti il giudice di pace stia in giudizio personalmente, e non abbia fatto alcuna elezione di domicilio e tantomeno risiedo nel distretto del luogo ove si trova il Gdp, la cancelleria di detto ufficio è obbligata a notificare il provvedimento di fissazione udienza all’opponente personalmente.
    Cordialità

  6. Vito

    Gentile Avvocato,

    per favore potrebbe rispondere alla mia richiesta, OVVERO SE LA SENTENZA E’ PASSATA IN GIUDICATO, alla luce delle mie ulteriori spiegazioni.
    La prego cortesemente.
    Grazie.
    Vito

Lascia un commento

  • (will not be published)

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

*