Categoria Giurisprudenza

Presunzioni, massime di esperienza, congetture (estratto da Cass. 6387/2018)

Mirco Minardi

<<Giusta principio consolidato nella giurisprudenza di legittimità in tema di responsabilità contrattuale, colui che agisce (per l’adempimento o per la risoluzione del contratto o) come nella specie per il risarcimento del danno deve dare la prova della fonte negoziale o legale del suo diritto, limitandosi alla mera allegazione della circostanza dell’inadempimento della controparte, mentre è… Continua la lettura »

Ricorso per cassazione ed omesso esame di documenti

Mirco Minardi

Un errore frequente tra gli avvocati è quello di ritenere che un documento, una volta prodotto in giudizio, debba necessariamente essere valutato dal giudice, anche quando, rispetto ad esso, non sia avvenuta alcuna deduzione, illustrazione, istanza, allegazione. In altre parole, la produzione deve essere accompagnata dalla illustrazione della rilevanza probatoria del documento; in mancanza di… Continua la lettura »

Il ricorso per cassazione e i vizi della ctu

Mirco Minardi

Un errore frequentemente commesso è quello di sottoporre a critica non la sentenza, bensì direttamente l’elaborato del CTU; in questo caso il motivo di ricorso è certamente inammissibile. Ora, allorquando venga disposta una consulenza tecnica può accadere questo: a) il giudice aderisce alla CTU senza alcuna motivazione; b) il giudice riporta le conclusioni del CTU… Continua la lettura »

L’indicazione dei documenti nel ricorso per cassazione

Mirco Minardi

In Cass. 5533/2018 troviamo specificato come vanno indicati nel ricorso per cassazione: a) i documenti già prodotti e inseriti nel proprio fascicolo; b) i documenti prodotti da controparte; c) i documenti relativi alla nullità della sentenza. Leggiamola insieme. 7. I motivi possono essere esaminati insieme e sono inammissibili. In particolare il primo motivo, è inammissibile… Continua la lettura »

La mancata ammissione della prova testimoniale nel ricorso per cassazione

Mirco Minardi

Non di rado la prova testimoniale non viene ammessa dal giudice di merito. Talvolta perché inammissibile, talaltra perché irrilevante. L’inammissibilità può discendere dalla violazione di norme sostanziali e processuali. La rilevanza richiama invece la pertinenza rispetto ai fatti principali e secondari. La valutazione del giudice di merito potrebbe essere corretta, ma potrebbe essere anche scorretta; in… Continua la lettura »

L’omesso esame di un fatto (quasi) decisivo nel ricorso per cassazione

Mirco Minardi

In base al n. 5 dell’art. 360 c.p.c. è possibile ottenere l’annullamento della decisione qualora il giudice abbia omesso di esaminare e quindi valutare un fatto decisivo oggetto di discussione tra le parti. Decisivo significa che qualora quel fatto fosse stato esaminato la decisione sarebbe stata (probabilmente o certamente?) diversa. Il punto è proprio stabilire… Continua la lettura »

La carente esposizione sommaria del fatto nel ricorso per cassazione ne determina l’inammissibilità

Mirco Minardi

Ancora una pronuncia di inammissibilità per carente esposizione sommaria del fatto (la cui importanza, secondo non poche decisioni, è fondamentale). Nel caso di specie (Cass. 19605/2019) si legge quanto segue: Il ricorrente infatti si limita a trascrivere la premessa in fatto (dallo stesso ricorrente indicata come «estremamente sintetica» contenuta nella sentenza impugnata) dalla quale però… Continua la lettura »

Non cogliere la ratio decidendi nel ricorso per cassazione

Mirco Minardi

Uno degli errori più frequenti commessi dagli avvocati che non si sono mai cimentati con il ricorso per cassazione è costituito dal mancato confronto con la sentenza impugnata. Ne ricaviamo un esempio in Cass. 21858/2019. Il giudice di appello aveva riformato la decisione di primo grado, evidenziando che l’attore non aveva provato il nesso causale… Continua la lettura »