Categoria Appello

L’art. 346 c.p.c. e le istanze istruttorie

Mirco Minardi

Avv. Mirco Minardi www.mircominardi.it L’articolo 346 c.p.c. intitolato “Decadenza dalle domande e dalle eccezioni non riproposte” stabilisce espressamente che: Le domande e le eccezioni non accolte nella sentenza di primo grado, che non sono espressamente riproposte in appello, si intendono rinunciate. La norma prevede una presunzione assoluta di rinuncia, non vincibile in altro modo se… Continua la lettura »

Garanzia impropria: errori da evitare in fase di impugnazione

Mirco Minardi

Non sono infrequenti le pronunce di inammissibilità riservate alle impugnazioni incidentali; questo accade perchè si ritiene (a torto) che l’impugnazione incidentale tardiva possa essere proposta da e contro qualsiasi parte processuale e relativamente a qualsiasi capo della sentenza. E invece non è così. Sebbene in giurisprudenza non manchino pronunce contrastanti, di regola l’impugnazione incidentale tardiva… Continua la lettura »

Causa inscindibile, notificazione della sentenza e termine per impugnare: una sentenza non condivisibile della Cassazione

Mirco Minardi

Con una stringatissima sentenza, la S.C. ha affermato un principio di portata devastante, oltretutto come se fosse stato sempre affermato dalla sua giurisprudenza. Stiamo parlando del termine breve per impugnare, che è di 30 giorni per l’appello e di 60 per il ricorso in Cassazione, decorrente dalla notificazione della sentenza. Ora, cosa accade se la… Continua la lettura »

Appello civile: è necessario impugnare le argomentazioni “ad abundantiam” contenute nella sentenza?

Mirco Minardi

Come ci si deve regolare ogni qual volta il giudice, pur fermandosi ad una statuizione di rito, sia entrato nel merito ed abbia dichiarato la domanda infondata anche sotto tale aspetto? La parte deve limitarsi ad investire dell’impugnazione la statuizione di rito, oppure deve anche impugnare le ulteriori argomentazioni svolte? Esempio. Si pensi alla sentenza… Continua la lettura »

Giudizio d’appello: i rapporti tra la sentenza di primo e secondo grado

Mirco Minardi

La sentenza resa all’esito del giudizio d’appello, salvo che abbia contenuto in rito, si sostituisce a quella di primo grado, non soltanto, ovviamente, quando la riforma, ma anche quando la conferma in toto, ponendosi quale nuova fonte di regolamentazione del rapporto litigioso, attorno alla quale, in mancanza di ricorso per cassazione, si formerà l’accertamento descritto… Continua la lettura »

Giudizio d’appello: quesiti vari

Mirco Minardi

Cosa accade in caso di omessa specificazione dei motivi? Il problema è stato affrontato dalle S.U. nel 2000 con la sentenza n. 16. Le S.U dissero anzitutto che i vizi possono essere ricondotti: alla irregolarità alla nullità alla inesistenza a seconda del grado di difformità rispetto al modello prefigurato dal legislatore. L’omissione dei motivi di… Continua la lettura »

Litisconsorzio in appello: aspetti problematici (parte I)

Mirco Minardi

Avv. Mirco Minardi www.mircominardi.it 1. Introduzione. Uno degli aspetti più complessi del giudizio di impugnazione di secondo grado riguarda il fenomeno del litisconsorzio e i riflessi sui poteri delle parti e sui termini di impugnazione. Problemi non vi sarebbero se il codice stabilisse che tutte le parti del primo grado debbano necessariamente partecipare al secondo… Continua la lettura »

Procura alle liti e appello incidentale

Mirco Minardi

La procura è l’atto formale che abilita il difensore-procuratore a comparire davanti al giudice in nome della parte e a compiere, sempre in suo nome, gli atti del processo. Ai sensi del terzo comma dell’art. 83 c.p.c. la procura speciale può essere apposta anche in calce alla citazione notificata. Tuttavia, se detto conferimento abilita senz’altro… Continua la lettura »

Capire l’appello civile

Mirco Minardi

Che cos’è e a cosa serve il giudizio di appello? E’ questa la prima domanda che ci dobbiamo fare. E’ ormai costante in giurisprudenza, ma non in dottrina, l’affermazione secondo cui l’atto di appello non introduce un novum judicium bensì una revisio prioris instantiae, cioè un giudizio di revisione della sentenza di primo grado. Il… Continua la lettura »

Giudizio d’appello: cosa succede se non vengono depositati i fascicoli di parte di primo e secondo grado?

Mirco Minardi

Va anzitutto ricordato che: a) i fascicoli di parte vengono tolti dai fascicoli d’ufficio; b) pertanto è onere della parte ritirarli dalla cancelleria e ridepositarli in secondo grado; c) La mancata presentazione del fascicolo di parte di secondo grado dell’appellante non è più sanzionata con l’improcedibilità del gravame nel testo novellato dell’art. 348 c.p.c. d)… Continua la lettura »