Categoria Aggiornamenti

L’impugnazione delle decisioni dei consigli distrettuali di disciplina degli avvocati

Mirco Minardi

Il procedimento disciplinare davanti al Consiglio distrettuale di disciplina può terminare: a) con l’irrogazione di una sanzione (avvertimento, censura, sospensione, radiazione) b) con l’archiviazione L’art., 33 del Reg. 2/2014 stabilisce che avverso le decisioni del Consiglio distrettuale di disciplina è ammesso ricorso avanti al Consiglio nazionale forense nel termine di trenta giorni dalla notifica del… Continua la lettura »

Ricorso per cassazione avverso le decisioni del CNF e procura alle liti

Mirco Minardi

Il ricorso avverso le decisioni del CNF può essere sottoscritto anche dall’avvocato cui il procedimento si riferisce, purché non sospeso o radiato. A tal fine non è necessario essere iscritti nell’apposito albo degli avvocati abilitati alle giurisdizioni superiori. Naturalmente può essere conferita una procura speciale ad un avvocato cassazionista e tale non può essere considerata… Continua la lettura »

La falsa applicazione di legge nel ricorso per cassazione avverso la sentenza di CNF resa in un procedimento disciplinare a carico di un avvocato

Mirco Minardi

La norma deontologica è una norma di diritto ai sensi dell’art. 360, n. 3 c.p.c.? Se lo fosse, sarebbe possibile ricorrere in Cassazione per denunciare, ad esempio, la falsa applicazione, oppure l’errata interpretazione. Nel caso deciso dalle S.U. con la sentenza n. 22253/2015 la risposta è stata affermativa. Il COA aveva inflitto la sanzione della… Continua la lettura »

Natura giurisdizionale del procedimento avanti al CNF e scissione degli effetti della notifica

Mirco Minardi

Con sentenza 407/2016 il CNF aveva dichiarato tardivo il ricorso presentato da un avvocato avverso la decisione del COA di appartenenza, sul rilievo che la notifica era avvenuta tardivamente. Non considerava il CNF che la consegna all’agente postale era però avvenuta entro il termine di 20 giorni. Per tale ragione, le SSU (13983/2017) hanno cassato… Continua la lettura »

Il termine di prescrizione dell’azione disciplinare nei confronti degli avvocati tra vecchie e nuove norme

Mirco Minardi

Il termine di prescrizione dell’azione disciplinare nei confronti degli avvocati oggi è di 6 anni, aumentabile fino ad un quarto in caso di una o più interruzioni. Nel precedente regime, il termine era di 5 anni, ma ogni interruzione comportava l’inizio di un nuovo termine quinquennale. Molto spesso, gli avvocati incolpati ricorrono in Cassazione per… Continua la lettura »

Questioni nuove e ricorso per cassazione

Mirco Minardi

Nella recente ordinanza 28060/2018 la Corte ricorda che «i motivi del ricorso per cassaione devono investire, a pena d’inammissibilità, questioni che siano già comprese nel tema del decidere del giudzio d’appello, non essendo prospettabili per la prima volta in sede di legittimità questioni nuove o nuovi temi di contestnione non trattati nella fase di merito,… Continua la lettura »

Ricorso per cassazione inammissibile se non viene data prova del perfezionamento della notifica

Mirco Minardi

Nella recente ordinanza 18361/2018 la S.C. ha ribadito il principio secondo cui la produzione dell’avviso di ricevimento del piego raccomandato contenente la copia del ricorso per cassazione spedita per la notificazione a mezzo del servizio postale ai sensi dell’art. 149 c.p.c., o della raccomandata con la quale l’ufficiale giudiziario dà notizia al destinatario dell’avvenuto compimento… Continua la lettura »