La supervisione di un ricorso per Cassazione

Mirco Minardi

Mi piace fare la supervisione dei ricorsi per cassazione. Recentemente ho provato in tutti i modi a far capire ad un Collega che le speranze erano ben poche.

Molti avvocati non vogliono arrendersi al fatto che la Corte di Cassazione non è giudice del merito. Il controllo del giudizio di fatto avviene attraverso il controllo della motivazione e dal 2012 è diventato difficilissimo censurare gli errori dei giudici di merito nella ricostruzione del fatto.

L’illogicità deve essere manifesta, determinante e deve risultare dalla stessa sentenza.

Leggo veri e propri salti mortali destinati all’insuccesso.

A volte bisogna arrendersi ed accettare il fatto che non c’è più nulla da fare. Il ricorso produrrà solo un’altra sconfitta (e altre spese da pagare).

 


Share
Mirco Minardi

Avvocato, direttore responsabile del blog per la formazione giuridica www.lexform.it. Relatore in convegni e seminari. Autore di numerosi articoli apparsi su riviste specializzate cartacee e telematiche e della monografia "Le insidie e i trabocchetti della fase di trattazione del processo”, ed. Lexform.

Anche questi articoli potrebbero interessarti:





Lascia un commento

  • (will not be published)

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*