Il controricorso nel giudizio civile di Cassazione

Mirco Minardi

Alcuni punti da ricordare a proposito del controricorso in Cassazione:

  • La partecipazione al giudizio di Cassazione è meramente facoltativa; nessun pregiudizio subisce il resistente che non si costituisce
  • Per poter partecipare al contraddittorio il resistente deve notificare il controricorso entro i termini stabiliti
  • Solo il controricorso valido, tempestivo consente il deposito della memoria ex art. 378
  • Nel giudizio di Cassazione non si parla mai di contumacia, ma eventualmente di assenza
  • In mancanza di controricorso o in presenza di controricorso invalido il resistente potrà partecipare alla discussione orale
  • In assenza di controricorso, il resistente, per poter partecipare alla discussione, deve farsi rilasciare una procura ad hoc
  • In caso di controricorso invalido o tardivamente notificato, la procura speciale abilita alla discussione orale
  • La procura non va rilasciata in calce al ricorso notificato
  • Non è necessario indicare i fatti, essendo sufficiente l’allegazione contenuta nel ricorso
  • E’ invece necessario prendere posizione specifica sui motivi del ricorso principale
  • Il principio di autosufficienza si applica anche al controricorso semplice (senza cioè impugnazione incidentale)
  • E’ inammissibile un controricorso adesivo
  • Il controricorso va notificato entro 40 giorni dalla notifica del ricorso incidentale (salvo postergazioni dovute alle festività)
  • Il controricorso va notificato al domicilio eletto in Roma, all’indirizzo PEC indicato nel ricorso principale, oppure in Cancelleria
  • E’ competente anche l’U.G. del luogo in cui è stato pronunciato il provvedimento impugnato
  • Il controricorso deve essere notificato alla controparte, non potendosi considerare sufficiente il mero deposito presso la cancelleria (Cass. n. 25735/2014; Cass. n. 22928/2008).
  • È sufficiente la notifica di unica copia del controricorso nel domicilio eletto dai più ricorrenti presso il comune difensore (Cass. n. 16959/2007; Cass. n. 6916/1998).
  • In assenza di deposito il controricorso è inammissibile

Tutti i miei articoli sul ricorso per cassazione.

Contatti.


Share
Mirco Minardi

Avvocato, direttore responsabile del blog per la formazione giuridica www.lexform.it. Relatore in convegni e seminari. Autore di numerosi articoli apparsi su riviste specializzate cartacee e telematiche e della monografia "Le insidie e i trabocchetti della fase di trattazione del processo”, ed. Lexform.

Anche questi articoli potrebbero interessarti:


7 commenti:

  1. Fabiola

    Mi sorge un dubbio. Se il controricorrente depositasse la copia conforme cartacea di quanto notificato telematicamente al ricorrente, andrebbe a sanare la mancata attestazione di conformità da parte del ricorrente stesso?

  2. Cecio 1936

    Non sono riuscito a trovare nulla che mi pacifichi definitivamente: il controricorso per cassazione va notificato al solo ricorrente oppure anche a tutte le altre parti del giudizio di appello?

  3. Daniela

    la frase ” nessun pregiudizio subisce il resistente che non si costituisce” implica che non ci possano essere spese legali a carico del resistente, neanche legate ai gradi precedenti?

  4. Luca

    Buongiorno, approfitto.
    Due domande, una facile, ma non per me, l’altra per Cassazionisti.
    1) Controricorso, termine. Se la sentenza e’ notificata alle parti, mettiamo il 5 marzo, e mettiamo che il termine per impugnare sia quello previsto per le procedure fallimentari ovvero 30 giorni. Il ricorrente (quello che ha perso) notifica, quando vuole nei termini previsti, diciamo il 30 marzo. Eccoci alla domanda: i venti giorni per il controricorso ovvero per la notifica alla parte, scadono il 25 aprile (come credo io), ovvero 5 marzo data di notifica, piu’ 30 giorni per impugnare ( nel caso di fallimento) uguale 5 aprile e da qui 20 giorni, oppure i venti giorni partono dalla notifica e quindi il termine per il controricorso scadrebbe il 20 aprile?
    2) Ipotesi di ricorso OGGETTIVAMENTE INAMMISSIBILE, in termini teorici, ma soprattutto pratici, cosa cambia nelle tempistiche per la sentenza definitiva, se uno presenta controricorso in cui evidenzia nettamente l’inammissibilità’ , oppure non ha i soldi e si affida alla sezione filtro?
    Grazie infinite e articolo molto ben fatto!

  5. Mirco Minardi

    1) Il termine per il controricorso decorre dalla scadenza di quello per il deposito del ricorso. 2) se è manifestamente inammissibile potrebbe essere deciso dalla VI sezione



Lascia un commento

  • (will not be published)

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*