Vizi di un ricorso per cassazione

Mirco Minardi

Ancora un esempio di come non si scrive un ricorso per cassazione che, per tale ragione, è stato dichiarato inammissibile.

Il difensore del ricorrente ha infatti commesso molteplici errori, tra cui la mancata osservanza del principio di autosufficienza; il riferimento alla contraddittorietà della motivazione, ormai sparito dal 2012; il riferimento ad un errore di calcolo senza indicare le norme violate; il riferimento all’omissione di un fatto provato come vizio di legge; censure alle valutazioni discrezionali in merito alla valutazione equitativa del danno; omesso richiamo degli atti su cui si fonda la censura.

Il bello di tutto questo è che il ricorso, come si ricava dalla sentenza, era tutt’altro che breve (più di 45 pagine!).

Cassazione civile, sez. III, 24/10/2017, (ud. 24/05/2017, dep.24/10/2017), n. 25107

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE TERZA CIVILE
Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. TRAVAGLINO Giacomo – Presidente –
Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –
Dott. POSITANO Gabriele – rel. Consigliere –
Dott. MOSCARINI Anna – Consigliere –
Dott. SAIJA Salvatore – Consigliere –
ha pronunciato la seguente:
ORDINANZA
sul ricorso 23115-2014 proposto da:
B.E., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA NICOLA
RICCIOTTI 11, presso lo studio dell’avvocato …… che la
rappresenta e difende unitamente all’avvocato …..giusta
procura speciale a margine del ricorso;
– ricorrente –
contro
AZIENDA UNITA’ SANITARIA LOCALE VALLE D’AOSTA,
D.B.M.E., D.S.;
– intimati –
avverso la sentenza n. 286/2014 della CORTE D’APPELLO di TORINO,
depositata il 12/02/2014;
udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del
24/05/2017 dal Consigliere Dott. GABRIELE POSITANO.

Fatto
RILEVATO
che:
B.E. ha evocato in giudizio l’Azienda USL Valle d’Aosta, D.B.M.E. e D.S. davanti al Tribunale di Aosta chiedendo il risarcimento dei danni subiti a causa dell’erronea condotta dei sanitari del Pronto Soccorso presso il quale si era recata in data 2 settembre 2002, in seguito ad un incidente domestico rappresentati dalla mancata rimozione di tutti i frammenti di vetro che aveva rotto nella caduta, nonchè per la parziale rimozione di essi in sede di successivo intervento chirurgico e il conseguente meniscopatia;
il Tribunale, con sentenza n. 117 del 2010, aderendo agli esiti della consulenza tecnica che aveva escluso il nesso di causalità tra l’intervento e la meniscopatia, ritenendolo, invece, sussistente rispetto alla necessità di rimozione di frammenti di vetro colposamente non rinvenuti dal medico del Pronto Soccorso, ha rigettato la domanda ritenendo satisfattiva del danno colposamente provocato, la somma di Euro 5000 già corrisposta in data 16 dicembre 2005, con condanna dell’attrice alla rifusione delle spese di controparte;
avverso tale decisione proponeva appello B.E. e l’Azienda Ospedaliera spiegava appello incidentale, mentre la Corte d’Appello di Torino con sentenza pubblicata il 12 febbraio 2014, in parziale modifica della sentenza impugnata, dichiarava compensate le spese del primo grado tra B.E. e l’Azienda USL Valle d’Aosta ed D.B.M.E., nella misura del 50%, condannando B.E. al rimborso della residua metà nei confronti dei predetti convenuti, confermando nel resto la sentenza impugnata e ponendo le spese relative al giudizio di appello a carico di B.E., nei rapporti con D.S. e compensandole nei rapporti tra B.E., da un lato, e l’Azienda USL Valle d’Aosta ed D.B.M.E., dall’altro, nella misura di un quinto e condannando, per il resto, la B. al rimborso delle spese di lite;
avverso tale decisione propone ricorso per cassazione B.E. sulla base di due motivi. Resistono con separati controricorsi C.A. e l’Azienda Provinciale per i Servizi Sanitari.
Diritto
CONSIDERATO
che:
La motivazione viene redatta in forma semplificata in adempimento di quanto previsto dal decreto n. 136-2016 del Primo Presidente della Corte Suprema di Cassazione;
con il primo motivo B.E. lamenta violazione di legge, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3, con riferimento agli artt. 113,115,116 e 167 c.p.c., nonchè agli artt. 2729,2697,1223,1226,1227,2043,2056,2059,1218 e 1176 c.c. rilevando che la liquidazione del danno si fondava su una perizia nulla per violazione del diritto al contraddittorio e sulla base di una quantificazione del danno secondo equità, fondata su errori nella valutazione dei danni effettivi subiti dalla ricorrente. In particolare, rileva che la liquidazione del danno era rimessa alla valutazione equitativa del giudice ma che, nel caso di specie, l’importo risultava decisamente sproporzionato per difetto “come descritto nella parte relativa alla critica della sentenza impugnata” e, nel caso di specie, vi sarebbe una “omissione della valutazione di materiale probatorio acquisito sotto il profilo dell’errore di diritto e dell’omissione dell’esame di un fatto provato”, concludendo che la valutazione equitativa del danno è suscettibile di rilievi in sede di legittimità quando difetti totalmente la giustificazione che quella statuizione sorregge o si discosti in maniera macroscopica dei dati di comune esperienza e sia radicalmente contraddittoria. “Alla luce delle considerazioni svolte deve ritenersi errato il calcolo meramente matematico al quale è giunto il giudice “di merito, “dovendosi farsi opera di liquidazione equitativa”;
il motivo è inammissibile per una pluralità di ragioni. In primo luogo, difetta di autosufficienza, perchè le articolate e poco lineari deduzioni rinviano ad atti processuali, motivi di appello, censure contenute nei verbali di causa e negli atti difensivi che non vengono in alcun modo trascritti o individuati nell’ambito del fascicolo del presente giudizio. In secondo luogo, attraverso la non chiara formulazione della prima doglianza la ricorrente, sotto l’apparente rilievo di violazione di una pluralità di norme, sembra lamentare (pagina 45 del ricorso) il difetto di giustificazione della decisione e la contraddittorietà della motivazione, con ciò chiaramente riferendosi all’ipotesi prevista dal precedente testo dell’art. 360 c.p.c., n. 5, relativo al vizio di motivazione, disposizione che nel testo vigente, applicabile al caso di specie, non consente in alcun modo una siffatta valutazione che, invece, è limitata soltanto (come si legge nel secondo motivo) all’omesso esame di un fatto decisivo oggetto di discussione tra le parti. Inoltre, le richieste finali della ricorrente fanno riferimento alla diversa ipotesi di errore matematico, e quindi ad un errore di calcolo, senza individuare le norme violate, poichè l’ampia argomentazione posta a sostegno del primo motivo si riferisce ai principi generali in tema di liquidazione equitativa del danno non patrimoniale. Vi è poi il riferimento alla “omissione dell’esame di un fatto provato” (pagina 41 del ricorso), fattispecie anche questa estranea all’ipotesi della violazione di legge ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3, poichè si riferisce ad una valutazione di un fatto e non di una questione di diritto. Per il resto, il rinvio contenuto nella prima parte dell’atto alle contestazioni genericamente riferibili alla sentenza di appello, non consente di individuare le censure oggetto del primo motivo poichè si tratta di un riferimento generico ad argomentazioni vastissime, non lineari e varie (pagine da 9 a 38 del ricorso) che contengono una serie di censure che non sono neppure riprodotte nei due motivi di ricorso e che, per quello che è dato comprendere, con riferimento alla paventata ipotesi di errata liquidazione del danno, sembrerebbero riferirsi ad una non adeguata considerazione del danno da invalidità temporanea e all’omessa valutazione del danno morale ed estetico, relativo alla maggiore estensione della cicatrice conseguente all’intervento dei sanitari. Si tratta di profili che non possono essere sottoposti al sindacato del giudice di legittimità, trattandosi valutazioni discrezionali in tema di liquidazione equitativa, di esclusiva pertinenza del giudice di merito;
con il secondo motivo lamenta omesso esame di un fatto decisivo, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5, per avere la Corte territoriale omesso di constatare che le manovre manuali della dottoressa D.B.M.E. hanno determinato lo spostamento dentro le carni dei frammenti di vetro, nonchè per avere trascurato l’incidenza della meniscopatia
sull’aggravamento del danno, legato al consiglio di deambulare dopo il primo intervento;
il motivo è inammissibile per difetto di autosufficienza; oltre a riferirsi ad una valutazione in fatto, che non può essere sottoposta al giudice di legittimità, censura in maniera assolutamente generica e immotivata la valutazione operata dalla Corte territoriale, non richiamando puntualmente alcuno degli atti sui quali si fonderebbe una siffatta censura, omettendo di trascriverne il contenuto o di individuarne, almeno, la natura (atti di parte, consulenza tecnica di ufficio, consulenza di parte, motivi di appello, eccetera);
ne consegue che il ricorso deve essere dichiarato inammissibile; le spese del presente giudizio di cassazione – liquidate nella misura indicata in dispositivo – seguono la soccombenza, dandosi atto dell’insussistenza dei presupposti di cui al D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, perchè la parte è stata ammessa al gratuito patrocinio.
PQM
P.Q.M.
dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento delle spese in favore di ciascun controricorrente, liquidandole in Euro 2.300,00 per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15 per cento, agli esborsi liquidati in Euro 200,00 ed agli accessori di legge.
Così deciso in Roma, nella camera di Consiglio della Terza Sezione della Corte Suprema di Cassazione, il 24 maggio 2017.
Depositato in Cancelleria il 24 ottobre 2017


Share
Mirco Minardi

Avvocato, direttore responsabile del blog per la formazione giuridica www.lexform.it. Relatore in convegni e seminari. Autore di numerosi articoli apparsi su riviste specializzate cartacee e telematiche e della monografia "Le insidie e i trabocchetti della fase di trattazione del processo”, ed. Lexform.

Anche questi articoli potrebbero interessarti:





Lascia un commento

  • (will not be published)

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*